CSE Formazione

EGA + OSSIGENOTERAPIA (Interpretazione dell’emogasanalisi ed utilizzo dell’ossigenoterapia)

In molte condizioni morbose ed altrettante situazioni cliniche è di grande utilità avvalersi di un esame diagnostico di laboratorio, l’emogasanalisi (EGA), il cui risultato è ottenibile in emergenza in pochi secondi e che è in grado, se correttamente interpretato, di fornire molte indicazioni utili o addirittura fondamentali, al clinico e al personale che assiste il paziente. È noto che l’esecuzione ed interpretazione dell’EGA è la principale guida per la corretta diagnosi dell’insufficienza respiratoria, costituendo allo stesso tempo il principale test di monitoraggio dell’evoluzione delle condizioni cliniche durante il trattamento di questi pazienti. In numerose altre condizioni cliniche (per esempio il diabete, l’insufficienza renale, etc) l’EGA costituisce un importante ausilio nel determinare il grado di compromissione delle funzioni fisiologiche, in particolare nelle fasi acute di queste malattie. L’ossigenoterapia, ormai da tempo presidio terapeutico fondamentale nei pazienti con problemi respiratori e cardiaci, difficilmente viene vista come “terapia” vera e propria; contrariamente a quanto molti credono, l’ossigeno è infatti un vero e proprio farmaco, con indicazioni e controindicazioni, dosaggi raccomandati ed effetti collaterali. Il corso si propone di fornire gli strumenti di conoscenza utili alla corretta interpretazione dell’EGA in tutte le principali condizioni cliniche, con una trattazione dal taglio prevalentemente pratico, con gli allievi chiamati ad interpretare direttamente i dati forniti sotto forma di caso clinico simulato; il secondo obiettivo del corso è quello di chiarire gli aspetti salienti del corretto utilizzo dell’ossigeno, in particolare nelle situazioni di emergenza, oltre a dare una panoramica dei principali metodi disponibili per l’ossigenoterapia.

 

ECG READING (Interpretazione dell’ECG in Emergenza e Terapia)

L'esame elettrocardiografico rappresenta a tutt'oggi uno degli strumenti più importanti e diffusi nella pratica clinica, la cui conoscenza è indipendente dalla figura professionale (medici o infermieri) o dalla specializzazione. Il corso è così diretto a tutti gli operatori sanitari che operino o meno nell'ambito dell'emergenza sanitaria, sia intra che extra-ospedaliera, ed è finalizzato all'acquisizione, da parte del partecipante non specialista, di un metodo efficace per la rapida lettura ed interpretazione ragionata dell'elettrocardiogramma. Il corso si articola in tre parti: principi generali dell'elettrocardiografia ed analisi di un tracciato elettrocardiografico normale, alterazioni morfologiche dell'elettrocardiogramma ed anomalie del ritmo cardiaco. Il corso si completa con la simulazione di possibili situazioni di emergenza in cui l'operatore sanitario può essere coinvolto, al fine di inserire l'alterazione elettrocardiografica riscontrata in un contesto clinico più generale e procedere così al suo adeguato trattamento, sia mediante l'utilizzo di farmaci antiaritmici che con l'ausilio della cardioversione elettrica o dell'elettrostimolazione transcutanea, in accordo con le vigenti linee guida AHA (American Heart Association) ed ERC (European Resuscitation Council). Al termine del corso è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione.

 

ICLS (Intermediate Cardiac Life Support)   EX DACA (Drug Administration Cardiac Arrest)

Corso di formazione intensivo in una giornata dedicato principalmente alla corretta gestione delle fasi di trattamento iniziale dell’arresto cardiaco, basandosi sulle linee guida condivise da tutte le principali società scientifiche internazionali (European Resuscitation Council, American Heart Association, etc) aggiornate ad ottobre 2015. Il corso è articolato in numerose stazioni di addestramento pratico e prevede l’utilizzo di defibrillatori manuali. Le stazioni di addestramento pratico sono dedicate al riconoscimento dei ritmi ECG, alla manovra di disostruzione delle vie aeree (manovra di Heimlich), al posizionamento dei presidi sovraglottici (maschera laringea, tubo laringeo, i-gel), all’applicazione di una CPAP in maschera, all’inserimento di un accesso venoso periferico e al posizionamento di un ago intraosseo (sia con BIG che con trapano). Ogni allievo avrà l’opportunità di esercitarsi su tutti gli skills pratici previsti, utilizzando materiale di addestramento dedicato. Il corso è rivolto a tutti gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza sia territoriale che ospedaliera e dura circa 8 ore in un’unica giornata. I protocolli utilizzati seguono le linee guida internazionali AHA‐ERC‐ILCOR.

 

AIRWAY MANAGEMENT (Gestione delle Vie Aeree)

L’ipossia uccide prima dell’ipovolemia, quindi un’efficace controllo delle vie aeree è di vitale importanza in tutte le situazioni di emergenza. Obiettivo del corso è la gestione professionale delle vie aeree mediante metodiche di base e avanzate, nelle situazioni di emergenza, nel paziente adulto e pediatrico con patologie mediche e traumatologiche. Addestramento dell’allievo al posizionamento di presidi sopraglottici (maschera laringea FASTRACK con eventuale successiva intubazione e tubo laringeo), al confezionamento di cricotiroidotomia con ago e chirurgica ed alla sequenza rapida di intubazione facilitata dalla somministrazione di farmaci con laringoscopia, secondo linee guida aggiornate AHA –ERC- ILCOR (International Liaison Committee on Resuscitation), (American Heart Association) ed (European Resuscitation Council).